NOTTE DEI RICERCATORI 2014 – 26 settembre – Villa Paolina – Oasi WWF “Valmanera” Asti.

In collaborazione con WWF-Oasi, Centro di Educazione Ambientale “Villa Paolina” e ASTISS Polo Universitario di Asti.

La ricerca scientifica e la tutela della biodiversità: dall’equatore alle colline astigiane.

ore 18
Saluti e presentazione delle attività della Scuola di Biodiversità

ore 19
La Biodiversità di Otonga- Oscar Maioglio
– Le ricerche di un giovane entomologo astigiano nella “Foresta nublada” dell’Ecuador Con la partecipazione di Giovanni Onore, presidente della Fondazione Otonga

–  La Biodiversità nei vigneti astigiani- Enrico Caprio
Vengono presentati i risultati preliminari di studi su invertebrati e uccelli nei vigneti astigiani, frutto di sei anni di ricerche svolte dall’Università di Torino

ore 20
Cena vegetariana su prenotazione

dalle ore 21 in poi: visita  del Museo di Villa Paolina e nell’Oasi WWF di Valmanera:
– visite al museo naturalistico
– i lepidotteri notturni come indicatori di biodiversità e dei cambiamenti climatici (trappola luminosa e attrazione con luce attinica e di wood)  (entomologi, volontari WWF).

– gli uccelli notturni: in una  postazione dedicata, ci sarà la possibilità di ascoltare i richiami degli uccelli notturni che frequentano l’Oasi di   Valmanera e le zone limitrofe.

Programma – NOTTE DEI RICERCATORI 2014

 

facebooktwitter

Meeting del progetto Biocorridoio Alpi Appennini a Villa Paolina

Giovedì 11 e venerdì 12 settembre presso il Centro di Educazione Ambientale WWF “Villa Paolina” di Asti si terrà un meeting di coordinamento del progetto Biocorridoio Alpi-Appennini. Il progetto ha come obiettivo consentire alle specie di adattarsi ai cambiamenti climatici consentendogli di migrare verso nord dagli Appennini settentrionali alle Alpi occidentali. Le due catene montuose si incontrano al confine tra Francia e Italia, tra valle del Rodano, Costa Azzurra, Liguria, Piemonte e Toscana; in quest’area verranno protetti i corridoi ecologici presenti e ristabiliti alcuni corridoi ecologici frammentati.

Il progetto prevede sia un’analisi puntuale dello stato della conservazione dell’area interessata dal corridoio, sia attività di partecipazione e comunicazione volte a garantire un supporto sociale e dei più importanti portatori di interesse locali al progetto. Inoltre, verranno realizzati progetti sul campo per rimuovere barriere ecologiche o per l’aumento della connettività. Eliante, cooperativa sociale che opera nel campo della sostenibilità ambientale e partner italiano del progetto, collaborerà con WWF Francia e WWF Svizzera in tutte le azioni. Il presente incontro rientra tra le attività della Scuola di Biodiversità Villa Paolina che partecipa con i suoi esperti al progetto fin dalla sua ideazione.

facebooktwitter