Notte dei Ricercatori 2015

logo2015

Il Polo Universitario Asti Studi Superiori, in collaborazione con la Scuola di Biodiversità ed il Centro di Educazione Ambientale WWF Villa Paolina presenta:

La Notte dei Ricercatori 2015

Seguici anche su Facebook:
https://www.facebook.com/Notte-dei-Ricercatori-Asti-1644471949103354/

Asti, venerdì 25 settembre 2015
Polo Universitario Asti Studi Superiori

Centro di Educazione Ambientale WWF Villa Paolina

POLO UNIVERSITARIO ASTI STUDI SUPERIORI

uni-astiss

ex Caserma Colli di Felizzano – Piazzale De André – ASTI

dalle 15 alle 18

Porte aperte di Asti Città Green, Incubatore non tecnologico di imprese giovanili con possibilità di incontrare giovani progettisti

dalle 16 alle 17:30

Un caffè con il ricercatore

presso la Caffetteria Hdemia del Gusto cortile interno piazzale De André Asti è stata invitata la scienziata Nadia Pastrone, astigiana; proiezione di video e filmati, incontro aperto ai giovani delle scuole astigiane e universitari per stimolarli e orientarli allo studio delle scienze e della fisica

Nadia Pastrone è stata responsabile negli ultimi tre anni dei 300 fisici italiani che lavorano all’esperimento CMS (Compact Muon Solenoid) al Large Hadron Collider (LHC) del CERN con più di 2500 fisici di 42 Paesi diversi. CMS insieme ad ATLAS, dopo la scoperta del bosone di Higgs (premio Nobel 2013) ha ricominciato quest’anno la presa dati alla nuova frontiera dell’energia.

Nata ad Asti nel 1960, dopo la maturità classica ha studiato a Torino dove lavora all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). La sua attività di ricerca in fisica subnucleare con acceleratori, cominciata al CERN (Ginevra) durante la tesi di laurea, è maturata al Fermilab (Chicago) per tornare al CERN, il più grande laboratorio al mondo, dove collaborano in pace oltre 10000 scienzati da tutto il mondo. Negli ultimi anni, con un progetto regionale, ha realizzato un’apparato radio-tomografico di grandi dimensioni per i beni culturali, in funzione presso il Centro di Conservazione e Restauro La Venaria Reale.

dalle ore 17:30 a cura della Scuola di Biodiversità

logo

Dalla selva dell’Amazzonia alle foreste del Madagascar:

la grande biodiversità

 

ore 17:30 – Saluti a cura di Giorgio Baldizzone, Francesco Scalfari, Enrico Caprio

 

ore 18:00   –   Studiando la biodiversità amazzonica: alcuni risultati – Padre Giovanni Onore
Giovanni Onore, frate marianista, già docente di Entomologia Agraria all’Università Cattolica di Quito, responsabile del Progetto Otonga tramite la Fondazione Otonga, di cui è presidente, ci ha allietato spesso sulle novità e i risultati ottenuti con il progetto di studio e conservazione nella zona dell’Ecuador, aprendo una finestra sulle luci e sulle ombre di quell’angolo di America, che racchiude una biodiversità tra le più importanti del nostro pianeta. Oggi ci parlerà dei principali risultati di anni di studi come la scoperta di nuove specie viventi, ma anche di come attraverso la conservazione sia possibile portare istruzione e migliorare l’economia e le condizioni di vita delle popolazioni locali, coinvolgendole nella tutela della Natura.

 

ore 18:45   – Oltre 25 anni di ricerche zoologiche in Madagascar – Dr. Franco Andreone

Blommersia angolafa Betampona
Blommersia angolafa Photo credits: Franco Andreone

Franco Andreone, Biologo della conservazione, conservatore presso il Museo di Scienze Naturali di Torino, membro del Comitato Scientifico del WWF Italia, da oltre 25 anni svolge attività di ricerca zoologica in Madagascar, dove ha scoperto e descritto molte nuove specie di anfibi e di rettili e dove coordina l’Amphibian Specialist Group dell’UICN. Oltre a numerose pubblicazioni scientifiche e vari volumi, ha realizzato un CD con il canto delle rane della Riserva di Betampona e ha organizzato quattro edizioni della “Giornata del Madagascar”, realizzate in alcuni fra i più importanti musei italiani di storia naturale.

 

ore 19:45 –  Trasferimento presso il Centro di Educazione Ambientale WWF Villa Paolina

 logo_villa

ore 20:00 –  Cena con prodotti tradizionali (su prenotazione) presso Centro di Educazione                 Ambientale WWF Villa Paolina

                        (Per prenotazioni 0141470269; valmaneravillapaolina@wwf.it)

 

dalle ore 21 in poi: visita del Museo di Villa Paolina e nell’Oasi WWF di Valmanera:

– visite al museo naturalistico a cura degli attivisti del WWF

– laboratori educativi e giochi per i più piccoli gestiti dagli operatori del CEA “Villa Paolina”

– i sensi negli animali: come gli animali si orientano nella notte a cura di Nicola Putzu ed Enrico Caprio

– Liberazione di rapaci notturni recuperati presso il CRAS di Tigliole a cura della LIPU sezione di Asti

facebooktwitter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>